Cellulare per anziani: come scegliere l’amico digitale adatto alle esigenze

Gli anziani hanno bisogno come tutti di comunicare e non è detto che debbano utilizzare mezzi antiquati per farlo. Un buon cellulare per anziani deve disporre di tutte le funzionalità utili a seconda delle esigenze.

Esistono infatti cellulari per anziani che soddisfano ogni necessità e non hanno nulla da invidiare agli smartphone più avanzati.

Cellulare semplice per anziani

La prima domanda da chiedersi è: di cosa potrebbero avere bisogno gli anziani? La qualità più richiesta in un cellulare da un anziano è la facilità di utilizzo. 

Le persone di età avanzata hanno bisogno di dispositivi che tengano conto delle loro necessità.

Qual è il miglior telefono per anziani

L’anziano ha bisogno per lo più di effettuare chiamate, sentire bene la suoneria, leggere il display e vedere con chiarezza la tastiera.

Quali sono le funzioni principali per riuscire a digitare con maggiore semplicità?

Display

  • Grande, per avere le informazioni a portata d’occhio e visibili facilmente.
  • A colori, per rendere i dati più chiari ed evitare un affaticamento della vista.

Tastiera

  • Ampia e facilmente leggibile.
  • Pratica con tasti visibili e spaziosi tra loro per facilitare l’utilizzo anche di persone portatrici di patologie che provocano tremore alle mani o altre problematiche.

Anche le funzioni aggiuntive possono rivelarsi molto utili:

 

  • Regolazione del volume così da garantire un facile utilizzo anche da parte di chi ha problemi di udito.
  • Numeri ad accesso rapido contattabili immediatamente tenendo premuto il tasto numerico corrispondente. Molti cellulari per anziani sono dotati di Tasto SOS per le chiamate di emergenza; la presenza di tasti speciali è molto utile per garantire serenità all’anziano e alla famiglia.
  • Retroilluminazione per assicurare l’utilizzo anche durante le ore notturne.
  • Funzione di geolocalizzazione per comunicare la propria posizione in caso di necessità.
Cellulare per anziani

Altre funzionalità utili per i nonni più digitali 

 

  • Fotocamera per mandare qualche foto ai figli e nipoti.
  • Radio per ascoltare la musica ed altri programmi; l’ascolto musicale è un mezzo di attivazione delle funzioni cerebrali e riduce il ritiro e isolamento sociale dell’anziano.
  • Connettività; l’utilizzo di strumenti che permettono di effettuare video-chiamate aiuta a mantenere vive le relazioni anche con i familiari lontani e garantire la continuità degli affetti.

Videochiamare con un tocco 

 

I nonni cercano principalmente la semplicità in un dispositivo. Riuscire a comunicare in modo facile ed intuitivo è una priorità per l’anziano.

Con questa mission, nasce il dispositivo Nonny, un videotelefono che consente di contattare i propri cari semplicemente sfiorando la foto di chi si vuole vedere. In questo modo se l’anziano è alle prime armi gli basterà un solo tocco per effettuare una videochiamata ai propri parenti e amici. Il funzionamento è molto semplice: lo schermo racchiude i volti delle persone care. Non ci sono pulsanti, tastiere per facilitare ancora di più l’utilizzo. Lo schermo non diventa mai nero ed è sempre pronto per effettuare la videochiamata.

Tra le caratteristiche più utili, la risposta automatica consente ai familiari di attivare il dispositivo a distanza senza che l’anziano debba toccarlo. E’ come avere le chiavi di casa della persona cara anche se si è distanti.

Questo dispositivo si rivela essere utilissimo anche nelle situazioni in cui l’anziano si trova in una struttura sanitaria. Il caregiver familiare potrà accertarsi che il genitore anziano stia bene e vederlo più spesso.

La videochiamata non sostituisce la presenza fisica del familiare, ma si propone come uno strumento di supporto per migliorare la comunicazione e restare aggiornati rafforzando il legame tra le parti coinvolte.

 

signora che fa una videochiamata

Comunicare è una necessità dell’uomo

 

La necessità di rintracciare familiari e amici è un’esigenza di tutti. In passato, la comunicazione era fatta di scrittura e di attesa. Chi non ha mai scritto una lettera? Oggi la comunicazione è digitale ed immediata. Ciò che interessa è che l’uomo non ha perso la voglia di comunicare e di sentirsi vicino alle persone care qualsiasi sia il mezzo che lo renda possibile.

Iscriviti alla Newsletter!

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter per conoscere il mondo UGO e ricevere i nostri aggiornamenti.