misure anti Covid-19

Linee Guida erogazione servizi di accompagnamento e affiancamento emergenza Covid | Fase 2

Informazioni principali

I coronavirus fanno parte di una vasta famiglia di virus che possono causare un raffreddore comune, una forma lieve simile all’influenza ma anche malattie più gravi come la sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS). Il virus responsabile dell’epidemia attuale è un nuovo ceppo di coronavirus – denominato SARS-CoV2 – mai identificato in precedenza nell’uomo. Il 7 ottobre Il Presidente del Consiglio ha emanato un Decreto-legge che proroga lo stato di emergenza al 31 gennaio 2021 e la continuità operativa del sistema di allerta COVID al 15 ottobre (in via di proroga).

Trasmissione

I coronavirus umani si trasmettono da una persona infetta a un’altra attraverso:

  • la saliva, tossendo e starnutendo
  • contatti diretti personali
  • le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate (non ancora lavate) bocca, naso o occhi
  • una contaminazione fecale (raramente)

Non esistono trattamenti specifici per le infezioni causate dai coronavirus e non sono disponibili, al momento, vaccini per proteggersi dal virus. Riguardo il nuovo coronavirus SARS-CoV-2, non esistono al momento terapie specifiche, vengono curati i sintomi della malattia (terapia di supporto) in modo da favorire la guarigione, ad esempio fornendo supporto respiratorio. Si ricorda che l’Agenzia italiana del farmaco (AIFA) fornisce sul proprio sito informazioni sui farmaci utilizzati al di fuori delle sperimentazioni cliniche. Puoi consultare la pagina dedicata sul sito AIFA. Ti consigliamo anche di controllare giornalmente lo scenario del virus, ci sono varie fonti. Consigliamo fra le altre, il sito de Il Sole 24 Ore , chiaro e di facile lettura.

Prevenzione e sicurezza

Per svolgere OGNI servizio di accompagnamento e affiancamento , ti chiediamo di rispettare SEMPRE attentamente le linee guida che seguono. Non abbassare mai la guardia nel rispetto della tua salute, di quella delle persone o meno fragili che affianchi e della comunità in senso esteso.

Usa sempre e correttamente la mascherina

  • Utilizza sempre la mascherina durante l’erogazione dei servizi. L’ideale è avere in dotazione la tipologia fp2, ma il DPCM chiarisce che in comunità possono essere utilizzate mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, purché coprano mento e naso (anche naso!!!).
  • Indossa la mascherina toccando solo gli elastici o i legacci e avendo cura di non toccare la parte interna.
  • Cambia spesso la mascherina in uso, come da indicazioni del DPCM
  • Non indossare più mascherine chirurgiche sovrapposte, non è utile.
  • Tieni in dotazione mascherine monouso . Es. se ritieni di aver toccato con mani non pulite la mascherina, cambiala tempestivamente.

Distanza di 1 metro

  • Mantieni la distanza di 1 metro dall’utente ogni volta che ti è possibile. Sappiamo che non avere contatto nel nostro lavoro è molto difficile e spesso del tutto incompatibile con lo scopo del servizio: garantire l’aiuto dovuto.
  • Arrivati a destinazione, tu e l’utente dovete sedere distanziandovi per quanto più possibile tra voi.
  • Evita sempre abbracci, saluti con contatto e strette di mano.
  • Riduci le comunicazioni verbali quando non siete distanziati.
  • Minimo contatto durante lo svolgimento delle commissioni.

Utilizzo dei guanti

  • L’utilizzo dei guanti è consigliato tutte le volte che effettui un servizio , a maggior ragione se sei tu ad occuparti della movimentazione dell’utente.
  • I guanti non sostituiscono la corretta igiene delle mani , che deve avvenire attraverso un lavaggio accurato e per 60 secondi.
  • I guanti devono essere cambiati spesso, non sono lavabili e non devono mai entrare in contatto con bocca, naso e occhi.
  • I guanti non possono essere riutilizzati.

Detersione

  • Lava spesso le mani con acqua e sapone o, in assenza, frizionale con un gel a base alcolica.
  • Il lavaggio delle mani deve durare almeno 60 secondi.
  • Il lavaggio delle mani deve coinvolgere accuratamente tutta la mano, incluse le dita, le punte, il pollice, il palmo della mano e la pelle fino ai polsi. Qui alleghiamo una chiara infografica che mostra come farlo bene.
  • Sono sconsigliati in questo periodo bracciali, orologi e altri oggetti e gioielli ai polsi che intralcino la corretta detersione
  • Dopo ogni servizio provvedi a igienizzare le mani.
  • Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani. Se non puoi evitarlo, lavati sempre le mani prima e dopo il contatto.
  • Quando starnutisci copri bocca e naso con fazzoletti monouso e poi buttali via. Se non ne hai, usa la piega del gomito. Lava le mani appena possibile.

Auto sempre igienizzata

  • Prima e dopo ogni servizio utilizza prodotti igienizzanti per l’auto, ricordando di passare bene le parti maggiormente utilizzate: maniglie, cambio, cinture. I prodotti da utilizzare dovranno essere disinfettanti a base di cloro o alcol (no amuchina o candeggina che potrebbero danneggiare plastica e pelle).
  • Hai servizi consecutivi? Aspetta almeno 20 minuti tra un servizio e l’altro, abbassa i finestrini e fai arieggiare . Igienizza l’abitacolo come da punto 1.
  • Possono stare massimo due passeggeri in una macchina standard 5 posti
  • Gli utenti non possono sedersi nei posti anteriori ma sempre dietro
  • Controlla e tieni puliti i filtri dell’aria condizionata

Relazione sicura con l’utente

  • Nella telefonata conoscitiva e di dettaglio che precede un servizio, ricorda agli utenti di dotarsi dei mezzi necessari per la prevenzione: mascherina, guanti – se necessari e se hanno bisogno del vostro supporto durante la movimentazione, prodotti igienizzanti.
  • Ricorda ad ogni utente che lavorate nel rispetto delle norme . Di fronte a comportamenti scorretti da parte loro, sarete legittimati a segnalarlo ed eventualmente sospendere l’accompagnamento.
  • Evita se ti è possibile contatti ravvicinati ma tieni la distanza di 1m.
  • Non usare bottiglie e bicchieri toccati da altri e ricorda all’utente di non farlo a sua volta.
  • Rassicura e chiarisci all’anziano quello che succede intorno a voi e quali sono le precauzioni da adottare. L’obiettivo è vivere in sicurezza e quindi acquistare libertà, non il contrario. E il servizio sarà piacevole comunque!
  • Dai il tuo contributo ricordando all’utente di lavarsi o igienizzare le mani, soprattutto dopo aver toccato corrimano, maniglie, essere stato in ospedale, ecc.
  • Presta attenzione che anche lui utilizzi correttamente la mascherina, coprendo bocca e naso e non togliendola mai.
  • Mantieni concentrazione e attenzione costanti . Ricorda che molti utenti sono fragili: immunodepressi, malati oncologici, portatori di varie patologie e per questo devono essere tutelati al meglio. Spesso l’abitudine porta ad abbassare l’attenzione, tu non farlo mai!

Impossibilità di erogazione del servizio

Un servizio potrà essere da voi interrotto se non verranno rispettate le norme inserite nel nuovo DPCM, in particolare:

  • se l’accompagnamento prevede un numero di persone non consentite per l’abitacolo dell’auto utilizzata per il servizio (max 2 per auto 5 porte).
  • se l’utente non indossa la maschera P.V.R.
  • se l’utente si rifiuta di attenersi alle disposizioni di cui al protocollo.

Il servizio potrà essere sospeso viceversa dall’utente, qualora riscontri scarso rispetto da parte vostra, operatori UGO, delle regole. L’utente potrà comunicarlo tramite una segnalazione al nostro Team. Inoltre questa informazione verrà rilevata in fase di feedback post servizio e attraverso verifiche telefoniche a campione.

Sarà possibile applicare una penale post-servizio qualora nel feedback verrà chiaramente esplicitata la mancanza da parte dell’UGO, di comportamenti consigliati e necessari in tutela e prevenzione del virus. Inoltre l’operatore potrà essere sospeso con effetto immediato.

Ipotesi contagio o legami con persone infette

Se hai febbre, tosse o difficoltà respiratorie e sospetti di essere stato in stretto contatto con una persona affetta da Covid-19, resta in casa , non recarti al pronto soccorso o presso gli studi medici ma telefona al medico di famiglia o alla guardia medica, oppure chiama il numero verde regionale. Utilizza i numeri di emergenza 112/118 solo in caso di peggioramento dei sintomi o difficoltà respiratoria. Puoi chiamare il numero gratuito di pubblica utilità 1500 del ministero o il numero verde della Croce Rossa Italiana 800.065.510 attivato per l’assistenza alle persone fragili. Gli operatori rispondono anche per informazioni sui comportamenti corretti da rispettare e l’iter da seguire in caso di contatto stretto con soggetti positivi. Numero verde della tua Regione: Numeri verdi regionali.

Ricorda di avvisare tempestivamente il team UGO in modo da poter procedere sia con la gestione dei servizi a te assegnati ma soprattutto valutare insieme la rosa di persone da contattare e informare perché a loro volta venute in contatto con te.

Altri consigli pratici

  • Se non l’hai ancora fatto ti consigliamo di sottoporti al tampone o al test sierologico quanto prima: si tratta di un controllo importante che tutti noi dovremmo fare periodicamente soprattutto se sappiamo di esporci a rischi
  • La vaccinazione anti-influenzale è fortemente raccomandata , anche se non protegge da questo virus. Ma in caso di contagio l’aver fatto la vaccinazione renderebbe più facile e rapido l’isolamento di eventuali casi di Covid. Su questo tema si sta facendo ancora chiarezza su tanti aspetti, vi aggiorneremo non appena avremo notizie più certe.
  • Segui la segnaletica proposta dalle strutture: ingressi e uscite sono differenziati e ci sono altre indicazioni volte alla sicurezza.
  • Mantieniti informato sulla diffusione della pandemia, con i report attendibili disponibili sul sito dell’OMS e sul sito del Ministero.
  • In possibilità, stampa i consigli pratici che trovi qui e tienili in auto.
  • Fatti promotore e sensibilizza le persone con cui entri in contatto e ti relazioni verso l’applicazione delle buone pratiche di sicurezza e prevenzione.
  • Ti consigliamo di scaricare l’App “Immuni” cliccando qui

******

Ricordiamo che in questo periodo di massima allerta chiederemo feedback precisi agli utenti riguardanti il rispetto delle buone norme igienico-sanitarie di prevenzione contenute in questo documento. Così come ci confronteremo con voi. Le norme riportate vogliono favorire sicurezza e buona salute degli utenti, di voi operatori e in senso più esteso della comunità tutta. Soltanto lavorando tutti con impegno, attenzione e sensibilità, potremo proteggerci e contenere i rischi.

Seguiranno aggiornamenti secondo quanto comunicato nei nuovi DPCM.

Grazie per la vostra collaborazione,

Team UGO